Uno spiraglio per Yesmoke. Proroga per la fideiussione

Quindici giorni di proroga per ottenere la fideiussione richiesta dai Monopoli di Stato e la speranza di chiudere un accordo con le banche con l'ausilio di Finpiemonte. Questo il bilancio dell'incontro di ieri tra la Yesmoke, la fabbrica di sigarette di Settimo Torinese, e l'AAMS, l'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, a cui hanno partecipato anche l'assessore al Lavoro della Regione Piemonte, Claudia Porchietto, il deputato del Pd, Stefano Esposito e il senatore Pdl, Andrea Fluttero.

Uno spiraglio per Yesmoke. Proroga per la fideiussione – Cronaca Qui – 13-01-2012

Cronaca Qui – 13-01-2012

Per il momento i cancelli dello stabilimento restano sigillati. La produzione prosegue come sempre, 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana. Ma l’azienda non può consegnare le «bionde» perché non dispone dei permessi necessari. Quindi si fa magazzino in attesa dello sblocco.

L’impasse è sempre causata dalla fideiussione di 2,4 milioni di euro richiesta come garanzia dai Monopoli che la società non riesce a ottenere dalle banche perché, spiega uno dei proprietari, Carlo Messina, «bisogna versare l’intera somma, e noi abbiamo investito in nuovi macchinari per continuare a crescere». A mancare è quindi la liquidità.

Nel frattempo anche le 26 assunzioni programmate a partire da gennaio sono state bloccate. Dovrebbero aggiungersi ai 64 addetti attualmente in forza all’azienda. Che esporta sigarette in tutto il mondo e ora teme che il blocco a causa dei problemi sul fronte delle forniture ai clienti. «La prossima settimana—è la previsione di Messina—le tabaccherie italiane potrebbero rimanere senza prodotto. Ma riceviamo chiamate anche dai clienti asiatici, che hanno avviato campagne pubblicitarie per promuovere le sigarette e si trovano senza forniture. È una situazione assurda—prosegue–. Siamo l’unica azienda italiana del settore e veniamo ostacolati in questo modo».

«Il tavolo sulla Yesmoke ha prodotto qualche debole passo in avanti—commentato ieri Porchietto—. La Regione Piemonte continuerà a lavorare per riuscire a trovare gli strumenti al fine di sbloccare il deposito dell’azienda. Con i Monopoli è stato aperto un dialogo che penso sia da valutare positivamente». Molto più duro Esposito, che ha parlato di «chiusura da parte dei Monopoli» e ha criticato «l’atteggiamento arrogante del direttore AAMS, Diego Rispoli, certamente viziato da faziosità. Non possiamo non ricordare che Rispoli è un dipendente della multinazionale Bat, responsabile della chiusura di tutte le manifatture tabacchi in Italia».

VERSO LO SBLOCCO

La Yesmoke di Settimo Torinese ha ottenuto una proroga di 15 giorni per la fideiussione da 2,4 milioni di curo chiesta dai Monopoli di Stato. In questo lasso di tempo Finpiemonte sarà al lavoro per trovare le garanzie bancarie. Lo stabilimento (a destra una fase della lavorazione) intanto continua a lavorare 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, ma le «bionde» devono restare in magazzino. Bloccate anche le assunzioni di 26 nuovi dipendenti. Dalla prossima settimana a rischio gli approvvigionamenti ai tabaccai

Connect with Us

Communicate with us and follow our updates on your preferred social network.