Proprietà del marchio

Big Tobacco, dopo aver preso possesso del dominio yesmoke.com, inizia una battaglia per impossessarsi, o impedire la registrazione del marchio «Yesmoke» nel mondo, a cominciare dagli USA

Proprietà del marchio

L’opposizione di Philip Morris

L’opposizione di Philip Morris non è basata, come di norma in questo tipo di procedure, su precedenti diritti di Philip Morris, ma su un uso illegittimo che sarebbe stato fatto del marchio «Yesmoke».

Nello specifico, Philip Morris elenca i seguenti punti:

  1. la vendita, tramite il marchio Yesmoke, anche delle marche di sigarette prodotte da Philip Morris;
  2. la mancanza di un appropriato controllo sull’età dei compratori al negozio online «Yesmoke»;
  3. il mancato pagamento delle tasse in relazione a quelle vendite.

L’USPTO non è competente per giudicare dispute di natura competitiva, ma solo la registrazione del marchio.

Yesmoke risponde all’opposizione, presenta la «Motion to dismiss», nella quale fa presente una obiezione di inammissibilità contro l’opposizione di Philip Morris. Ma alla fine il marchio «Yesmoke» negli USA va a Philip Morris, il 30 Agosto 2006.

Philip Morris vuole impedire la registrazione del marchio «Yesmoke» anche nella Federazione Russa. «Yesmoke» è considerato troppo simile al marchio, di proprietà di Philip Morris, «e-smoke», registrato il 10 Giugno 2004. Così la registrazione del marchio «Yesmoke» viene rifiutata nella federazione Russa.

Yesmoke, ovviamente, si è formalmente opposta alla sentenza, e in questo caso tutto si risolverà positivamente, e il 9 gennaio 2009, la registrazione del marchio «Yesmoke» è accettata nella Federazione Russa.

Cronologia

  • USA, 21 Aprile 2005: Philip Morris presenta opposizione alla registrazione del marchio «Yesmoke» negli USA;
  • USA, 12 Luglio 2005: Philip Morris richiede la proroga dell’opposizione contro la registrazione del marchio «Yesmoke» negli USA;
  • USA, 10 Novembre 2005: L’opposizione è presentata;
  • USA, 20 Dicembre 2005: Yesmoke presenta la sua «Motion to dismiss»;
  • USA, 20 Gennaio 2006: Opposizione di Philip Morris – USA alla «Motion to dismiss»;
  • USA, 26 Marzo 2006: La «Amended notice of opposition» di Philip Morris è accettata dal USPTO;
  • Federazione Russa, 26 Giugno 2006: La registrazione del marchio «Yesmoke» è stata rifiutata nella Federazione Russa. Il rifiuto è basato su un marchio «e-smoke», di proprietà di Philip Morris Products SA, precedentemente registrato;
  • USA, 30 Agosto 2006: Il marchio «Yesmoke» negli USA va a Philip Morris;
  • Federazione Russa, 9 gennaio 2009: La registrazione del marchio «Yesmoke» è accettata nella Federazione Russa.

Il commento di Yesmoke

Perché Big Tobacco vuole questo trofeo? Cosa farà quando lo avrà ottenuto? Produrrà sigarette «Yesmoke»? O forse Big Tobacco vuole solo essere sicuro che i fumatori nel mondo, in futuro, non abbiano la possibilità di trovare le Yesmoke sugli scaffali dei negozi.

Il paradosso è che Yesmoke sta diventando sempre più come il sigaro cubano, «100% vietato negli USA» Gli sviluppi di questa situazione sono destinati a diventare sempre più interessanti.

Articoli sulle Guerre

Connettiti con noi

Comunica con noi e segui i nostri aggiornamenti sul tuo social network preferito.

This website uses cookies to improve the browsing experience. Continuing navigation without changing your browser settings, you agree to receive website cookie. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close