TAR del Lazio, vince Yesmoke – Via la «Tassa minima»

Il 21 marzo c'è stata l'udienza, il 5 aprile è stata pubblicata la sentenza: la II Sezione del TAR del Lazio ha accolto il ricorso della Yesmoke.

Il mercato italiano delle sigarette è stato definitivamente liberalizzato con l’annullamento del D.L. 94, la cosiddetta «Tassa minima», che serviva ad aggirare la sentenza della Corte di Giustizia europea che il 24 giugno 2010 aveva abolito il «Prezzo minimo» delle sigarette.

Il cartello delle tre multinazionali Philip Morris, BAT e Japan Tobacco, coordinato dall’AAMS, che da un lato aveva fatto salire l’utile sulle Marlboro al 600% e dall’altro aveva portato il gettito fiscale in una strada senza uscita, è stato definitivamente demolito.

Da oggi lo Stato, liberatosi di questo bubbone, potrà aumentare le tasse, mentre Big Tobacco non potrà più aumentare i prezzi come gli piace perché dovrà fare i conti con la concorrenza. L’abolizione della «Tassa minima» è una rivoluzione che spiana alla Yesmoke la strada dell’«occupazione» del mercato italiano, e toglie l’AAMS dalla strada senza uscita nella quale si era cacciata.

A questo punto bisogna calcolare il danno per la collettività e presentare il conto a chi di dovere. La Yesmoke denuncerà tutti i ladri che hanno preso parte alla truffa delle sigarette, che nel corso degli anni ha sottratto miliardi di euro alle casse dello Stato.

Approfondimenti

  • enrico camandona

    finalmente qualcosa di buono succede!!!!

  • Giuseppe Altavilla

    E’ la sorpresa dell’uovo di Pasqua!

  • Padano

    Quelli dell’Aams potrebbero cogliere l’occasione della Pasqua per confessarsi e pentirsi dei loro peccati, dato che questa sentenza rappresenta l’avvento del Regno della Yesmoke.

  • Fish

    Fantastico finalmente giustizia è fatta
    Ora avanti con i progetti in ballo e così Yesmoke crescerà

    Bravi ragazzi

  • Anonimo

    Sono talmente ignoranti e limitati di cervello, che nessuno ci ha fatto caso che hanno tolto la tassa minima, è una cosa che va oltre il loro quoziente intellettivo. Nel rapporto sul tabacco pubblicato pochi giorni fa’ da Nomisma, la società di quel grand’uomo di prodi, la tassa minima non è nominata, non sanno neanche che esiste, sono degli animali. Nel rapporto si parla della filiera del tabacco, e si fa sempre finta che esista ancora la produzione in Italia; nella relazione Nomisma si è inventata 750 lavoratori nella manifattura, facendo finta che gli stabilimenti della BAT siano ancora aperti.

    • Yesmoke

      I 750 lavoratori di cui parla Nomisma sarebbero quelli di Philip Morris, che in base a quanto pubblicato sul sito di Philip Morris, “si occupano della commercializzazione nel paese dei brand Philip Morris International”.
      Per Nomisma, sponsorizzata da PM, è normale nominare solo i dipendenti di PM, che non producono, ma si occupano della promozione delle sigarette prodotte all’estero, prevalentemente con attività illegali. I lavoratori della Yesmoke e della MIT di Chiaravalle, che rappresentano quanto rimane della filiera italiana, per Nomisma non esistono.

  • tabaccaio che non capisce

    Domanda a Yesmoke. Adesso cosa dovrebbe accadere ai prezzi delle sigarette?

    • Yesmoke

      La Yesmoke, nell’immediato, potrebbe scendere di prezzo, ma resterà a 4 euro, lasciando che siano gli altri ad aumentare i prezzi e a creare la differenza. Nei prossimi mesi il cartello delle 3 multinazionali Philip Morris, BAT e JTI, per continuare a fare gli utili fuori mercato come prima, saliranno di almeno 40 centesimi con il previsto aumento dell’IVA al 23%, e saliranno quando sarà aumentata l’aliquota dell’accisa. Se l’accisa minima sarà ricacolata in seguito agli aumenti delle multinazionali (quelli che tutti pensano siano gli aumenti delle tasse) la Yesmoke resterà ferma alla “cifra tonda” di 4 euro fino all’ultimo.

  • Giacomo

    Gentilissima Yesmoke, se questa è la situazione è una grande vittoria.
    Vi prego, anche a nome di moltissimi amici e conoscenti, di aumentare la distribuzione del brand anche al centro e sud Italia.
    Sono di Latina, e delle vostre sigarette non v’è traccia.

    • Yesmoke

      Purtroppo in molte zone d’Italia siamo ancora assenti. Ma adesso che abbiamo vinto e abbiamo liberalizzato il mercato, cambierà tutto. Quando a 4 euro ci saremo solo noi, la più economica della concorrenza sarà salita a 4.50, e le Marlboro saranno a 5.50, ecco che tutte le tabaccherie di Latina, e tutti i didtributori automatici avranno le Yesmoke!

    • Alessio

      Ciao Giacomo, lavoro per l’azienda che ha preso la concessione di proporre il marchio yesmoke nel lazio. Ti lascio la mia mail così possiamo parlarne.
      alepes8@yahoo.it

  • fabio

    Sono contento che il TAR abbia fatto chiarezza. Speriamo che la lobby delle multinazionali non riesca a trovare qualche scappatoia. Vi invito ad aumentare la diffusione dei vostri prodotti, per lavoro sono spesso in giro per l’Italia e ho difficoltà a trovarle.

  • Michele Tempesta

    nell’editoriale del presidente della FIT si fa riferimento alla sentenza del TAR Lazio e si rimanda al pronunciamento finale del Consiglio di Stato:

    http://www.tabaccai.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1432:una-doppia-legnata&catid=49:vdt-e-pubblicazioni&Itemid=184

    come vi ponete in merito?

    • Yesmoke

      Il ricorso al Consiglio di Stato viene fatto perché l’Avvocatura dello Stato è tenuta a farlo, ma un parere contrario del Consiglio di Stato è tecnicamente impossibile in questo caso. Anche un “inciucio” all’italiana sarebbe dura, perché qui per ribaltare tutto ci vorrebbe uno come Caligola, che ha nominato un cavallo senatore. Chi ha scritto l’editoriale non sa nemmeno che l’abolizione della tassa minima, che tanto l’addolora, è il risultato dell’applicazione di una sentenza conto l’Italia della Corte di giustizia europea. Infatti scrive che: “Fino ad oggi l’Italia è stata considerata da tutta l’Unione Europea un modello di buon funzionamento del mercato”. Non ho letto l”inchiesta” pubblicata sul giornale della FIT, ma dalla presentazione che si legge nel tuo link si può dedurre questo: pensa che i Tabaccai siano una massa di sotto-coglioni.

Articoli Correlati

Connettiti con noi

Comunica con noi e segui i nostri aggiornamenti sul tuo social network preferito.