Irlanda – Yesmoke è accusata di favorire l’IRA

Il primo boom degli acquisti a Yesmoke si verifica nel 2001, nella piccola Irlanda del Nord, dove Yesmoke giunge a spedire parecchie migliaia di stecche al giorno.

I customers di quel paese, infatti, avevano scoperto come ricevere le sigarette sempre duty-free: anziché selezionare, per esempio, Belfast/Gran Bretagna come paese di destinazione, e rischiare di ricevere sigarette con la richiesta di pagamento dei dazi doganali inglesi, come talvolta capitava in Gran Bretagna, selezionavano Belfast/Irlanda.

Così le sigarette giungevano inizialmente in Irlanda, a Dublino, dove non passavano nessun controllo doganale in quanto destinate ad un altro paese, e da qui venivano reindirizzate all’indirizzo corretto in Gran Bretagna (Irlanda del Nord). Non essendoci controllo doganale tra Irlanda e UK, le sigarette giungevano sempre duty-free ai felici destinatari. Girava la voce che nei pub si fumassero solo sigarette acquistate da Yesmoke.

Tutto era filato liscio, fino a quando, nell’autunno del 2001, i giornali e la televisione inglesi cominciano a parlare di questo nuovo fenomeno con grande preoccupazione. Si ipotizza che le sigarette acquistate tramite il sito Yesmoke vengano rivendute di contrabbando per finanziare l’IRA, il movimento di liberazione dell’Irlanda del Nord. Al telegiornale viene mostrata la home page del sito.

Così il problema diventa serio, le dogane britanniche intervengono e da li a poco cominciano ad applicare i dazi doganali al 100% delle sigarette che giungono nell’Irlanda del Nord.

Nessuno pagherà quelle tasse, maggiorate e penalizzanti, che rendevano l’acquisto online decisamente non conveniente, ma sceglieranno di respingere la merce al mittente. E Yesmoke dovrà rimborsare tutti.

Connettiti con noi

Comunica con noi e segui i nostri aggiornamenti sul tuo social network preferito.

This website uses cookies to improve the browsing experience. Continuing navigation without changing your browser settings, you agree to receive website cookie. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close